Sport in Oratorio

CSO San Carlo e ASD San Michele

...DAL PROGETTO EDUCATIVO DI PG

La società sportiva CSO San Carlo e ASD San Michele al cui interno gravitano 450 atleti e un centinaio di volontari sono espressione delle realtà oratoriali e si pongono al servizio della completa crescita dell’individuo attraverso l’attività sportiva. Le due associazioni svolgono attività di calcio, pallavolo e basket comprendendo un’età che va dai sei ai cinquanta anni, ponendo maggiore attenzione alle squadre giovanili. Entrambe si prefiggono di educare la persona nella sua integrità lavorando in collegamento con gli altri organismi educativi: la famiglia, la scuola, l’oratorio e le istituzioni pubbliche, mantenendo la propria autonomia nella gestione e nella proposta educativa. Le attività delle associazioni sono pertanto sempre orientate allo sviluppo integrale della persona, a favorire la varietà dei modi di essere più idonei e adatti a ciascuna di esse, a promuovere relazioni, scambi e collaborazioni.

“La grande sfida educativa è tornare a praticare lo sport e a farlo bene. Va recuperato l’agonismo, fonte di stimoli e obiettivi, per mettercela tutta e vincere. Ma non a tutti i costi. E la metafora della vita: crediamo e viviamo al massimo la quotidianità” (Don Alessio Albertini responsabile nazionale Ecclesiale del CSI), in queste parole possiamo leggere il concetto essenziale dello sport e cioè dare il meglio di se stessi per arrivare al traguardo finale come vincitore ma nel rispetto delle regole che ci sono e ci siamo dati. Per raggiungere ciò gli allenamenti e le partite sono il fulcro dell’attività stessa, senza trascurare i momenti di festa che danno la possibilità di conoscenza e relazione. Vi sono inoltre momenti di formazione organizzati dalle società sportive e dagli enti promotori delle attività, che hanno lo scopo di far crescere le persone coinvolte all’interno delle associazioni per far si che il “lavoro” educativo sia condiviso integralmente.

Vi sono varie figure di volontariato all’interno delle società: allenatori (risorsa importante sono le squadre di atleti adulti che svolgono il doppio ruolo di giocatori e allenatori per i più giovani), dirigente, arbitri, addetti alla manutenzione che danno il loro contributo gratuitamente per dare la possibilità ai nostri ragazzi di vivere al meglio l’attività sportiva. Le due società sportive all’interno della loro collaborazione sono però frutto di realtà che riteniamo debbano mantenere la loro autonomia specialmente sotto l’aspetto agonistico, la sana e corretta “rivalità” nel rispetto della persona, può essere solo fonte di crescita e di stimolo nel raggiungere gli obiettivi sportivi e umani che ci si prefissa.

“L’oratorio con un gruppo sportivo ha una marcia in più” (Cardinale Dionigi Tettamanzi). In questo noi crediamo e vorremmo che tutti siano consapevoli dell’importanza di quanto affermato dal Cardinale; fare attività sportiva va incontro ai valori fondamentali della persona e della vita sociale (quali ad esempio la salute, il gioco, la tecnica, le regole, l’agonismo, la collaborazione, l’amicizia, la solidarietà, l’incontro con la natura e l’ambiente sociale). L’autonomia delle società sportive nell’organizzazione delle proprie attività deve coesistere con le proposte educative dell’Oratorio per non mettere i nostri ragazzi di fronte a una scelta ma rendere il loro percorso di crescita ricco di diverse proposte.

CONTATTI ASD SAN MICHELE

La nostra associazione

L'associazione Sportiva Dilettantistica San Michele, al cui interno gravitano una ventina di squadre circa, con un totale di 320 atleti, tra maschi e femmine, ed un centinaio di volontari. E' espressione delle realtà oratoriane canturine e si pone al servizio della completa crescita dell'individuo attraverso l'attività sportiva.

Sui campi e nelle palestre svolgiamo attività di calcio, pallavolo e basket per atleti di età compresa dai sei ai cinquanta anni. La nostra maggiore attenzione va sempre alle squadre giovanili, perchè il gruppo sportivo si prefigge di educare la persona nella sua integrità lavorando in collegamento con gli altri organismi educativi: la famiglia, la scuola, l'oratorio e le istituzioni pubbliche: le attività dell'associazione sono pertanto sempre orientate allo sviluppo integrale della persona, a favorire la varietà dei modi di essere più idonei e adatti a ciascuna di esse, promuovendo relazioni, scambi e collaborazioni.

"La grande sfida educativaè tornare a praticare lo sport e a farlo bene. Va recuperato l'agonismo, fonte di stimoli ed obiettivi, per mettercela tutta a vincere. Ma non a tutti i costi. E' la metafora della vita: crediamo e viviamo al massimo la quotidianità" (Don Alessio Albertini consulente ecclesiastico nazionale del CSI). In queste parole possiamo leggere in concetto essenziale dello sport e cioè dare il meglio di se stessi per arrivare al traguardo finale come vincitore, ma nel rispetto delle regole che ci sono e ci siamo dati. Per raggiungere ciò, gli allenamenti sono il fulcro dell'attività stessa, senza trascurare i momenti di festa che danno la possibilità di conoscenza e relazione. Vi sono inoltre momenti di formazione, organizzati dall'associazione sportiva e dagli enti promotori a cui siamo affiliati, che hanno lo scopo di far crescere le persone coinvolte all'interno dell'associazione per far si che il "lavoro" educativo sia condiviso integralmente.

Vi sono figure di volontariato all'interno dell'associazione: allenatori (risorsa importante sono le squadre di atleti adulti che svolgono il doppio ruolo di giocatori ed allenatori per i più giovani), dirigenti, arbitri, addetti alla manutenzione, consiglieri. Tutti danno il loro contributo gratuitamente così da favorire i nostri ragazzi nel vivere al meglio l'attività sportiva.

"L'oratorio con un gruppo sportivo ha una marcia in più" (Cardinale Dionigi Tettamanzi). In questo noi crediamo e vorremmo che tutti siano consapevoli dell'importanza di quanto affermato del Cardinale; fare bene l'attività sportiva favorisce la crescita dei valori fondamentali della persona e della vita sociale quali: la salute, il gioco, la tecnica, le regole, l'agonismo, la collaborazione, l'amicizia, la solidarietà, l'incontro con la natura e l'ambiente sociale.

 

 

 

Sede della Società:
Via Andina, 4 - Cantù
22063 CO

Tel: 031.3515212
Cellulare: 388.9889509 (dopo le 18.00)
Email: sportiva@sanmichelecantu.it

Sito web: www.sportiva.sanmichelecantu.it/

CONTATTI CSO SAN CARLO

La nascita del CSO SAN CARLO fu uno dei tanti passi che la ancora giovanissima parrocchia San Carlo decise di compiere insieme al suo parroco Don Lino Spinelli per raggiungere un suo grado di maturità e stabilità

Era il 1985 e l’oratorio era frequentato da molti ragazzi. Diventava necessario offrire loro ogni possibilità sia di meditazione che di svago, affinché il tempo trascorso in oratorio portasse dei frutti. Riuscire ad impegnarli in un’attività sportiva era forse la cosa più facile visto l’elevato grado di coinvolgimento che lo sport esercita sui giovani. Fu così che un gruppo di dodici parrocchiani amanti dello sport fondò la società sportiva. L’obiettivo primario della società era ed è tuttora quello di dare a questi ragazzi un piccolo aiuto nella crescita e nell’educazione, come si legge anche nell’articolo 2 dello Statuto: “Lo scopo dell’associazione è la promozione umana dei soci attraverso l’attività sportiva, ricreativa, culturale”.

Da quella data di strada ne è stata fatta molta: la società è cresciuta e nel tempo si è arricchita di nuove esperienze e nuove risorse, ma ha mantenuto integro lo scopo per il quale è stata fondata. Tutte le persone che si sono avvicendate in questi anni all’interno della società hanno lavorato come volontari, regalando parte del loro tempo e delle loro competenze al servizio degli atleti. Alcune di queste persone mantengono il loro impegno da quasi trent’anni e a loro in particolare va tutto il nostro grazie per la costanza, la fedeltà e l’esempio che hanno sapientemente portato avanti. In questi tempi in cui l’economia domina ogni realtà e purtroppo anche lo sport, una società che vive dell’impegno gratuito e costante degli allenatori, dei dirigenti, dei responsabili e di tutti coloro che in diversi modi danno un aiuto, è certamente un esempio positivo di umanità e forti di tale certezza, vogliamo continuare il nostro cammino insieme a tutti coloro che ci vorranno sostenere!

 

 

Come ogni società che si rispetti, anche il CSO SAN CARLO si è presto dato un’identità attraverso la scelta di un marchio: un cerchio con al centro la facciata della nostra chiesa ed intorno un girotondo a rappresentare lo sport che unisce verso obiettivi comuni e condivisi; esternamente un ovale di colori che rappresentano la vivacità, la gioia e la pace.

La volontà di mettere al centro la nostra chiesa riassume invece la nostra origine e il nostro punto di arrivo: siamo nati all’interno della comunità e ad essa si ispirano il nostro impegno e i nostri valori.

 

 

 

LA SEDE

Ogni anno la società cresceva, s’ingrandiva, raddoppiava i suoi impegni ma mancava ancora un luogo di ritrovo e riferimento.

Finalmente a distanza di otto anni dalla sua nascita, il CSO San Carlo ha colmato questa lacuna.

Dopo aver scelto un locale della cascina Cristina, alcuni dirigenti e sostenitori hanno dato inizio ad un lavoro che per i più sembrava impossibile e nell’arco di quattro mesi, lavorando quasi tutte le sere hanno trasformato un locale disastrato in un’opera d’arte.

Inaugurata il 20 dicembre 1992 in occasione della festa di saluto di don Lino Spinelli, e da lui benedetta, la sede è ormai diventata un punto di partenza  e di arrivo di tutte le attività del Cso San Carlo. 

Punto di partenza perché è da lì che nascono tutte le idee e le iniziative della società, punto di arrivo perché è sempre lì che le squadre tornano dopo aver partecipato a qualche manifestazione ogni volta con qualche trofeo.

 

 

 

LE ATTIVITA’ DEL CSO SAN CARLO: NON SOLO SPORT…

 

Fin dalla sua fondazione il CSO ha scelto di lavorare su due discipline sportive: il calcio e la pallavolo. Per poter partecipare con le sue squadre ai campionati provinciali di categoria si è affiliato fin da subito al Centro Sportivo Italiano (CSI) e alla Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV). Il numero delle squadre è cresciuto negli anni e abbiamo raggiunto una struttura in grado di coprire tutte le fasce d’età dai 7 anni alle squadre Open.

Oggi la società conta circa centoventi atleti , suddivisi tra pallavolo e calcio  e una ventina tra allenatori e dirigenti.

Per quest’anno sportivo abbiamo allestito le seguenti squadre per la pallavolo: U10 Polisportivo, per atlete nate nel 2005 e precedenti, si prosegue con l’U14 e le Allieve U16 che completano il settore giovanile; per quanto riguarda le categorie superiori abbiamo una prima squadra iscritta al campionato provinciale di Seconda Divisione Fipav e per una Open Mista CSI .

 

Per quanto riguarda l’area Calcio , quest’anno non avremo il settore giovanile ( la prima stagione da 30 anni ) , ad eccezione della squadra Allievi a 11. Per gli adulti abbiamo due squadre che disputeranno il campionato Open a 7 ( una in categoria “A” e l’altra in “B” )

 

Stiamo lavorando per ricreare già l’anno prossimo il settore giovanile per l’Under 10 e Under 12 , che sono da sempre le categorie privilegiate e su cui punta maggiormente la società.

 

La società C.S.O. S.CARLO inoltre svolge altre attività di carattere sportivo e culturale.

Al termine di ogni anno sportivo, durante il periodo estivo, organizziamo il torneo di pallavolo per ragazze in memoria di Silvia Sarti, e il torneo di calcio per ragazzi in memoria di Emanuele Tarsia Morisco.

 

Per la società , un punto fermo è la solidarietà: la festa di Natale solitamente è anche l’occasione per il nostro gruppo sportivo di guardare insieme al di là dei confini della nostra parrocchia e raggiungere chi ha realmente bisogno di un aiuto concreto. Per questo, negli anni abbiamo coinvolto i nostri atleti in diverse iniziative di sostegno: dagli aiuti in favore dei bambini della ex-Iugoslavia, ai bambini terremotati di Colfiorito, ai ragazzi di padre Marco Pagani in Camerun, all’adozione a distanza di  uno studente universitario indiano della missione di Padre Augusto Colombo a Warangal in India fino alla più recente e attuale collaborazione con il Centre Jeunes Kamenge in Burundi.

 

Infine sono da ricordare alcune iniziative che hanno caratterizzato i primi anni di vita del CSO e che esprimono bene il legame della società sportiva con la parrocchia: chi non ricorda con immenso piacere le fiaccolate che aprivano le nostre stagioni sportive e il palio dei rioni in occasione della festa dell’oratorio? Con la fiaccola in mano i nostri atleti e i loro dirigenti hanno raggiunto il Santuario della Madonna della Noce a Inverigo, il Santuario della Madonna del Ghisallo, la Madonna d’Europa a Campodolcino, il Santuario di Caravate in provincia di Varese ed infine il Santuario di Caravaggio. Negli ultimi anni si è reintrodotta la fiaccolata con percorsi cittadini. Infatti sono gli atleti delle squadre più piccole che, partendo dalla Basilica di Galliano, portano la fiaccola  per le vie di Cantù fino ad arrivare alla nostra chiesa dove, con la fiaccola, viene acceso il tradizionale pallone durante la S. Messa solenne per la festività di San Carlo.

In occasione della festa dell’oratorio per diversi anni, il CSO SAN CARLO si è occupato dell’organizzazione del palio dei rioni: la frazione veniva suddivisa in quattro zone: ad ogni zona corrispondeva un colore e con nastri rossi, rosa, verdi e azzurri che ornavano allegramente le case, si tracciava la geografia dei vari rioni. Si stabiliva poi il calendario settimanale delle gare di pallavolo, calcio, bocce, scopa, scacchi, dama che vedevano sfidarsi i vari rioni e coinvolgevano davvero tutti, dai più giovani ai più anziani, in un clima certamente competitivo ma anche estremamente festoso e amichevole. 

Per l’anno del Giubileo il CSO SAN CARLO, con una nutrita rappresentanza di dirigenti e atleti, ha organizzato un pellegrinaggio a Roma per prendere parte all’incontro con il Santo Padre Giovanni Paolo II: è stata certamente un’esperienza molto emozionante e un’occasione per tutti noi di “rigenerarci” e ricevere dalla parole del Papa nuove energie: “lo sport è gioia di vivere, gioco, festa e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo mediante il recupero della sua gratuità, della sua capacità di stringere vincoli di amicizia, di favorire il dialogo e l’apertura gli uni verso gli altri, come espressione della ricchezza dell’essere ben più valida ed apprezzabile dell’avere, e quindi ben al di sopra delle leggi della produzione e del consumo e di ogni altra considerazione puramente utilitaristica della vita”.

Per la nostra società sportiva oratoriana, il parroco è sempre stato un punto di riferimento irrinunciabile. Don Lino Spinelli ha fondato con noi il CSO SAN CARLO e dal 1993 al 1999 don Gianni Mariani, suo successore è stato alla guida della nostra parrocchia, sostiene, incoraggia e promuove la nostra attività. Insieme a lui e alla nostra comunità, abbiamo realizzato un traguardo importantissimo cioè la costruzione di una palestra all’interno del nostro oratorio. In tutti questi anni abbiamo sempre sofferto un po’ di questa mancanza che ci costringeva ad utilizzare le palestre comunali per il settore pallavolo, con l’inevitabile distacco dalla parrocchia, oltre che notevoli costi e disagi permettendo a finalmente tutti nostri atleti (di calcio e di pallavolo) potranno allenarsi all’ombra della nostra chiesa, con l’augurio che questo rafforzi e accresca sempre più lo spirito cristiano che ci anima.

Per concludere , la società , nata nel 1985 propone lo sport come momento di amicizia e come esperienza di festa. Sport come strumento di prevenzione, capace di richiamare l’attenzione delle persone, di aggregarle nel loro tempo libero. Sport come attività che reca in sé una carica straordinaria e affascinante di umanità, di conquista, di pazienza, diventando avventura che riempie di segni, di obiettivi, di speranza.



Maggiori informazioni http://www.csosancarlo.it/storia/
Storia

La nascita del CSO SAN CARLO fu uno dei tanti passi che la ancora giovanissima parrocchia San Carlo decise di compiere insieme al suo parroco Don Lino Spinelli per raggiungere un suo grado di maturità e stabilità

Era il 1985 e l’oratorio era frequentato da molti ragazzi. Diventava necessario offrire loro ogni possibilità sia di meditazione che di svago, affinché il tempo trascorso in oratorio portasse dei frutti. Riuscire ad impegnarli in un’attività sportiva era forse la cosa più facile visto l’elevato grado di coinvolgimento che lo sport esercita sui giovani. Fu così che un gruppo di dodici parrocchiani amanti dello sport fondò la società sportiva. L’obiettivo primario della società era ed è tuttora quello di dare a questi ragazzi un piccolo aiuto nella crescita e nell’educazione, come si legge anche nell’articolo 2 dello Statuto: “Lo scopo dell’associazione è la promozione umana dei soci attraverso l’attività sportiva, ricreativa, culturale”.

Da quella data di strada ne è stata fatta molta: la società è cresciuta e nel tempo si è arricchita di nuove esperienze e nuove risorse, ma ha mantenuto integro lo scopo per il quale è stata fondata. Tutte le persone che si sono avvicendate in questi anni all’interno della società hanno lavorato come volontari, regalando parte del loro tempo e delle loro competenze al servizio degli atleti. Alcune di queste persone mantengono il loro impegno da quasi trent’anni e a loro in particolare va tutto il nostro grazie per la costanza, la fedeltà e l’esempio che hanno sapientemente portato avanti. In questi tempi in cui l’economia domina ogni realtà e purtroppo anche lo sport, una società che vive dell’impegno gratuito e costante degli allenatori, dei dirigenti, dei responsabili e di tutti coloro che in diversi modi danno un aiuto, è certamente un esempio positivo di umanità e forti di tale certezza, vogliamo continuare il nostro cammino insieme a tutti coloro che ci vorranno sostenere!

 

 

Come ogni società che si rispetti, anche il CSO SAN CARLO si è presto dato un’identità attraverso la scelta di un marchio: un cerchio con al centro la facciata della nostra chiesa ed intorno un girotondo a rappresentare lo sport che unisce verso obiettivi comuni e condivisi; esternamente un ovale di colori che rappresentano la vivacità, la gioia e la pace.

La volontà di mettere al centro la nostra chiesa riassume invece la nostra origine e il nostro punto di arrivo: siamo nati all’interno della comunità e ad essa si ispirano il nostro impegno e i nostri valori.

 

 

 

LA SEDE

Ogni anno la società cresceva, s’ingrandiva, raddoppiava i suoi impegni ma mancava ancora un luogo di ritrovo e riferimento.

Finalmente a distanza di otto anni dalla sua nascita, il CSO San Carlo ha colmato questa lacuna.

Dopo aver scelto un locale della cascina Cristina, alcuni dirigenti e sostenitori hanno dato inizio ad un lavoro che per i più sembrava impossibile e nell’arco di quattro mesi, lavorando quasi tutte le sere hanno trasformato un locale disastrato in un’opera d’arte.

Inaugurata il 20 dicembre 1992 in occasione della festa di saluto di don Lino Spinelli, e da lui benedetta, la sede è ormai diventata un punto di partenza  e di arrivo di tutte le attività del Cso San Carlo. 

Punto di partenza perché è da lì che nascono tutte le idee e le iniziative della società, punto di arrivo perché è sempre lì che le squadre tornano dopo aver partecipato a qualche manifestazione ogni volta con qualche trofeo.

 

 

 

LE ATTIVITA’ DEL CSO SAN CARLO: NON SOLO SPORT…

 

Fin dalla sua fondazione il CSO ha scelto di lavorare su due discipline sportive: il calcio e la pallavolo. Per poter partecipare con le sue squadre ai campionati provinciali di categoria si è affiliato fin da subito al Centro Sportivo Italiano (CSI) e alla Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV). Il numero delle squadre è cresciuto negli anni e abbiamo raggiunto una struttura in grado di coprire tutte le fasce d’età dai 7 anni alle squadre Open.

Oggi la società conta circa centoventi atleti , suddivisi tra pallavolo e calcio  e una ventina tra allenatori e dirigenti.

Per quest’anno sportivo abbiamo allestito le seguenti squadre per la pallavolo: U10 Polisportivo, per atlete nate nel 2005 e precedenti, si prosegue con l’U14 e le Allieve U16 che completano il settore giovanile; per quanto riguarda le categorie superiori abbiamo una prima squadra iscritta al campionato provinciale di Seconda Divisione Fipav e per una Open Mista CSI .

 

Per quanto riguarda l’area Calcio , quest’anno non avremo il settore giovanile ( la prima stagione da 30 anni ) , ad eccezione della squadra Allievi a 11. Per gli adulti abbiamo due squadre che disputeranno il campionato Open a 7 ( una in categoria “A” e l’altra in “B” )

 

Stiamo lavorando per ricreare già l’anno prossimo il settore giovanile per l’Under 10 e Under 12 , che sono da sempre le categorie privilegiate e su cui punta maggiormente la società.

 

La società C.S.O. S.CARLO inoltre svolge altre attività di carattere sportivo e culturale.

Al termine di ogni anno sportivo, durante il periodo estivo, organizziamo il torneo di pallavolo per ragazze in memoria di Silvia Sarti, e il torneo di calcio per ragazzi in memoria di Emanuele Tarsia Morisco.

 

Per la società , un punto fermo è la solidarietà: la festa di Natale solitamente è anche l’occasione per il nostro gruppo sportivo di guardare insieme al di là dei confini della nostra parrocchia e raggiungere chi ha realmente bisogno di un aiuto concreto. Per questo, negli anni abbiamo coinvolto i nostri atleti in diverse iniziative di sostegno: dagli aiuti in favore dei bambini della ex-Iugoslavia, ai bambini terremotati di Colfiorito, ai ragazzi di padre Marco Pagani in Camerun, all’adozione a distanza di  uno studente universitario indiano della missione di Padre Augusto Colombo a Warangal in India fino alla più recente e attuale collaborazione con il Centre Jeunes Kamenge in Burundi.

 

Infine sono da ricordare alcune iniziative che hanno caratterizzato i primi anni di vita del CSO e che esprimono bene il legame della società sportiva con la parrocchia: chi non ricorda con immenso piacere le fiaccolate che aprivano le nostre stagioni sportive e il palio dei rioni in occasione della festa dell’oratorio? Con la fiaccola in mano i nostri atleti e i loro dirigenti hanno raggiunto il Santuario della Madonna della Noce a Inverigo, il Santuario della Madonna del Ghisallo, la Madonna d’Europa a Campodolcino, il Santuario di Caravate in provincia di Varese ed infine il Santuario di Caravaggio. Negli ultimi anni si è reintrodotta la fiaccolata con percorsi cittadini. Infatti sono gli atleti delle squadre più piccole che, partendo dalla Basilica di Galliano, portano la fiaccola  per le vie di Cantù fino ad arrivare alla nostra chiesa dove, con la fiaccola, viene acceso il tradizionale pallone durante la S. Messa solenne per la festività di San Carlo.

In occasione della festa dell’oratorio per diversi anni, il CSO SAN CARLO si è occupato dell’organizzazione del palio dei rioni: la frazione veniva suddivisa in quattro zone: ad ogni zona corrispondeva un colore e con nastri rossi, rosa, verdi e azzurri che ornavano allegramente le case, si tracciava la geografia dei vari rioni. Si stabiliva poi il calendario settimanale delle gare di pallavolo, calcio, bocce, scopa, scacchi, dama che vedevano sfidarsi i vari rioni e coinvolgevano davvero tutti, dai più giovani ai più anziani, in un clima certamente competitivo ma anche estremamente festoso e amichevole. 

Per l’anno del Giubileo il CSO SAN CARLO, con una nutrita rappresentanza di dirigenti e atleti, ha organizzato un pellegrinaggio a Roma per prendere parte all’incontro con il Santo Padre Giovanni Paolo II: è stata certamente un’esperienza molto emozionante e un’occasione per tutti noi di “rigenerarci” e ricevere dalla parole del Papa nuove energie: “lo sport è gioia di vivere, gioco, festa e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo mediante il recupero della sua gratuità, della sua capacità di stringere vincoli di amicizia, di favorire il dialogo e l’apertura gli uni verso gli altri, come espressione della ricchezza dell’essere ben più valida ed apprezzabile dell’avere, e quindi ben al di sopra delle leggi della produzione e del consumo e di ogni altra considerazione puramente utilitaristica della vita”.

Per la nostra società sportiva oratoriana, il parroco è sempre stato un punto di riferimento irrinunciabile. Don Lino Spinelli ha fondato con noi il CSO SAN CARLO e dal 1993 al 1999 don Gianni Mariani, suo successore è stato alla guida della nostra parrocchia, sostiene, incoraggia e promuove la nostra attività. Insieme a lui e alla nostra comunità, abbiamo realizzato un traguardo importantissimo cioè la costruzione di una palestra all’interno del nostro oratorio. In tutti questi anni abbiamo sempre sofferto un po’ di questa mancanza che ci costringeva ad utilizzare le palestre comunali per il settore pallavolo, con l’inevitabile distacco dalla parrocchia, oltre che notevoli costi e disagi permettendo a finalmente tutti nostri atleti (di calcio e di pallavolo) potranno allenarsi all’ombra della nostra chiesa, con l’augurio che questo rafforzi e accresca sempre più lo spirito cristiano che ci anima.

Per concludere , la società , nata nel 1985 propone lo sport come momento di amicizia e come esperienza di festa. Sport come strumento di prevenzione, capace di richiamare l’attenzione delle persone, di aggregarle nel loro tempo libero. Sport come attività che reca in sé una carica straordinaria e affascinante di umanità, di conquista, di pazienza, diventando avventura che riempie di segni, di obiettivi, di speranza.



Maggiori informazioni http://www.csosancarlo.it/storia/
Storia

La nascita del CSO SAN CARLO fu uno dei tanti passi che la ancora giovanissima parrocchia San Carlo decise di compiere insieme al suo parroco Don Lino Spinelli per raggiungere un suo grado di maturità e stabilità

Era il 1985 e l’oratorio era frequentato da molti ragazzi. Diventava necessario offrire loro ogni possibilità sia di meditazione che di svago, affinché il tempo trascorso in oratorio portasse dei frutti. Riuscire ad impegnarli in un’attività sportiva era forse la cosa più facile visto l’elevato grado di coinvolgimento che lo sport esercita sui giovani. Fu così che un gruppo di dodici parrocchiani amanti dello sport fondò la società sportiva. L’obiettivo primario della società era ed è tuttora quello di dare a questi ragazzi un piccolo aiuto nella crescita e nell’educazione, come si legge anche nell’articolo 2 dello Statuto: “Lo scopo dell’associazione è la promozione umana dei soci attraverso l’attività sportiva, ricreativa, culturale”.

Da quella data di strada ne è stata fatta molta: la società è cresciuta e nel tempo si è arricchita di nuove esperienze e nuove risorse, ma ha mantenuto integro lo scopo per il quale è stata fondata. Tutte le persone che si sono avvicendate in questi anni all’interno della società hanno lavorato come volontari, regalando parte del loro tempo e delle loro competenze al servizio degli atleti. Alcune di queste persone mantengono il loro impegno da quasi trent’anni e a loro in particolare va tutto il nostro grazie per la costanza, la fedeltà e l’esempio che hanno sapientemente portato avanti. In questi tempi in cui l’economia domina ogni realtà e purtroppo anche lo sport, una società che vive dell’impegno gratuito e costante degli allenatori, dei dirigenti, dei responsabili e di tutti coloro che in diversi modi danno un aiuto, è certamente un esempio positivo di umanità e forti di tale certezza, vogliamo continuare il nostro cammino insieme a tutti coloro che ci vorranno sostenere!

 

 

Come ogni società che si rispetti, anche il CSO SAN CARLO si è presto dato un’identità attraverso la scelta di un marchio: un cerchio con al centro la facciata della nostra chiesa ed intorno un girotondo a rappresentare lo sport che unisce verso obiettivi comuni e condivisi; esternamente un ovale di colori che rappresentano la vivacità, la gioia e la pace.

La volontà di mettere al centro la nostra chiesa riassume invece la nostra origine e il nostro punto di arrivo: siamo nati all’interno della comunità e ad essa si ispirano il nostro impegno e i nostri valori.

 

 

 

LA SEDE

Ogni anno la società cresceva, s’ingrandiva, raddoppiava i suoi impegni ma mancava ancora un luogo di ritrovo e riferimento.

Finalmente a distanza di otto anni dalla sua nascita, il CSO San Carlo ha colmato questa lacuna.

Dopo aver scelto un locale della cascina Cristina, alcuni dirigenti e sostenitori hanno dato inizio ad un lavoro che per i più sembrava impossibile e nell’arco di quattro mesi, lavorando quasi tutte le sere hanno trasformato un locale disastrato in un’opera d’arte.

Inaugurata il 20 dicembre 1992 in occasione della festa di saluto di don Lino Spinelli, e da lui benedetta, la sede è ormai diventata un punto di partenza  e di arrivo di tutte le attività del Cso San Carlo. 

Punto di partenza perché è da lì che nascono tutte le idee e le iniziative della società, punto di arrivo perché è sempre lì che le squadre tornano dopo aver partecipato a qualche manifestazione ogni volta con qualche trofeo.

 

 

 

LE ATTIVITA’ DEL CSO SAN CARLO: NON SOLO SPORT…

 

Fin dalla sua fondazione il CSO ha scelto di lavorare su due discipline sportive: il calcio e la pallavolo. Per poter partecipare con le sue squadre ai campionati provinciali di categoria si è affiliato fin da subito al Centro Sportivo Italiano (CSI) e alla Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV). Il numero delle squadre è cresciuto negli anni e abbiamo raggiunto una struttura in grado di coprire tutte le fasce d’età dai 7 anni alle squadre Open.

Oggi la società conta circa centoventi atleti , suddivisi tra pallavolo e calcio  e una ventina tra allenatori e dirigenti.

Per quest’anno sportivo abbiamo allestito le seguenti squadre per la pallavolo: U10 Polisportivo, per atlete nate nel 2005 e precedenti, si prosegue con l’U14 e le Allieve U16 che completano il settore giovanile; per quanto riguarda le categorie superiori abbiamo una prima squadra iscritta al campionato provinciale di Seconda Divisione Fipav e per una Open Mista CSI .

 

Per quanto riguarda l’area Calcio , quest’anno non avremo il settore giovanile ( la prima stagione da 30 anni ) , ad eccezione della squadra Allievi a 11. Per gli adulti abbiamo due squadre che disputeranno il campionato Open a 7 ( una in categoria “A” e l’altra in “B” )

 

Stiamo lavorando per ricreare già l’anno prossimo il settore giovanile per l’Under 10 e Under 12 , che sono da sempre le categorie privilegiate e su cui punta maggiormente la società.

 

La società C.S.O. S.CARLO inoltre svolge altre attività di carattere sportivo e culturale.

Al termine di ogni anno sportivo, durante il periodo estivo, organizziamo il torneo di pallavolo per ragazze in memoria di Silvia Sarti, e il torneo di calcio per ragazzi in memoria di Emanuele Tarsia Morisco.

 

Per la società , un punto fermo è la solidarietà: la festa di Natale solitamente è anche l’occasione per il nostro gruppo sportivo di guardare insieme al di là dei confini della nostra parrocchia e raggiungere chi ha realmente bisogno di un aiuto concreto. Per questo, negli anni abbiamo coinvolto i nostri atleti in diverse iniziative di sostegno: dagli aiuti in favore dei bambini della ex-Iugoslavia, ai bambini terremotati di Colfiorito, ai ragazzi di padre Marco Pagani in Camerun, all’adozione a distanza di  uno studente universitario indiano della missione di Padre Augusto Colombo a Warangal in India fino alla più recente e attuale collaborazione con il Centre Jeunes Kamenge in Burundi.

 

Infine sono da ricordare alcune iniziative che hanno caratterizzato i primi anni di vita del CSO e che esprimono bene il legame della società sportiva con la parrocchia: chi non ricorda con immenso piacere le fiaccolate che aprivano le nostre stagioni sportive e il palio dei rioni in occasione della festa dell’oratorio? Con la fiaccola in mano i nostri atleti e i loro dirigenti hanno raggiunto il Santuario della Madonna della Noce a Inverigo, il Santuario della Madonna del Ghisallo, la Madonna d’Europa a Campodolcino, il Santuario di Caravate in provincia di Varese ed infine il Santuario di Caravaggio. Negli ultimi anni si è reintrodotta la fiaccolata con percorsi cittadini. Infatti sono gli atleti delle squadre più piccole che, partendo dalla Basilica di Galliano, portano la fiaccola  per le vie di Cantù fino ad arrivare alla nostra chiesa dove, con la fiaccola, viene acceso il tradizionale pallone durante la S. Messa solenne per la festività di San Carlo.

In occasione della festa dell’oratorio per diversi anni, il CSO SAN CARLO si è occupato dell’organizzazione del palio dei rioni: la frazione veniva suddivisa in quattro zone: ad ogni zona corrispondeva un colore e con nastri rossi, rosa, verdi e azzurri che ornavano allegramente le case, si tracciava la geografia dei vari rioni. Si stabiliva poi il calendario settimanale delle gare di pallavolo, calcio, bocce, scopa, scacchi, dama che vedevano sfidarsi i vari rioni e coinvolgevano davvero tutti, dai più giovani ai più anziani, in un clima certamente competitivo ma anche estremamente festoso e amichevole. 

Per l’anno del Giubileo il CSO SAN CARLO, con una nutrita rappresentanza di dirigenti e atleti, ha organizzato un pellegrinaggio a Roma per prendere parte all’incontro con il Santo Padre Giovanni Paolo II: è stata certamente un’esperienza molto emozionante e un’occasione per tutti noi di “rigenerarci” e ricevere dalla parole del Papa nuove energie: “lo sport è gioia di vivere, gioco, festa e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo mediante il recupero della sua gratuità, della sua capacità di stringere vincoli di amicizia, di favorire il dialogo e l’apertura gli uni verso gli altri, come espressione della ricchezza dell’essere ben più valida ed apprezzabile dell’avere, e quindi ben al di sopra delle leggi della produzione e del consumo e di ogni altra considerazione puramente utilitaristica della vita”.

Per la nostra società sportiva oratoriana, il parroco è sempre stato un punto di riferimento irrinunciabile. Don Lino Spinelli ha fondato con noi il CSO SAN CARLO e dal 1993 al 1999 don Gianni Mariani, suo successore è stato alla guida della nostra parrocchia, sostiene, incoraggia e promuove la nostra attività. Insieme a lui e alla nostra comunità, abbiamo realizzato un traguardo importantissimo cioè la costruzione di una palestra all’interno del nostro oratorio. In tutti questi anni abbiamo sempre sofferto un po’ di questa mancanza che ci costringeva ad utilizzare le palestre comunali per il settore pallavolo, con l’inevitabile distacco dalla parrocchia, oltre che notevoli costi e disagi permettendo a finalmente tutti nostri atleti (di calcio e di pallavolo) potranno allenarsi all’ombra della nostra chiesa, con l’augurio che questo rafforzi e accresca sempre più lo spirito cristiano che ci anima.

Per concludere , la società , nata nel 1985 propone lo sport come momento di amicizia e come esperienza di festa. Sport come strumento di prevenzione, capace di richiamare l’attenzione delle persone, di aggregarle nel loro tempo libero. Sport come attività che reca in sé una carica straordinaria e affascinante di umanità, di conquista, di pazienza, diventando avventura che riempie di segni, di obiettivi, di speranza.



Maggiori informazioni http://www.csosancarlo.it/stor
Storia

La nascita del CSO SAN CARLO fu uno dei tanti passi che la ancora giovanissima parrocchia San Carlo decise di compiere insieme al suo parroco Don Lino Spinelli per raggiungere un suo grado di maturità e stabilità

Era il 1985 e l’oratorio era frequentato da molti ragazzi. Diventava necessario offrire loro ogni possibilità sia di meditazione che di svago, affinché il tempo trascorso in oratorio portasse dei frutti. Riuscire ad impegnarli in un’attività sportiva era forse la cosa più facile visto l’elevato grado di coinvolgimento che lo sport esercita sui giovani. Fu così che un gruppo di dodici parrocchiani amanti dello sport fondò la società sportiva. L’obiettivo primario della società era ed è tuttora quello di dare a questi ragazzi un piccolo aiuto nella crescita e nell’educazione, come si legge anche nell’articolo 2 dello Statuto: “Lo scopo dell’associazione è la promozione umana dei soci attraverso l’attività sportiva, ricreativa, culturale”.

Da quella data di strada ne è stata fatta molta: la società è cresciuta e nel tempo si è arricchita di nuove esperienze e nuove risorse, ma ha mantenuto integro lo scopo per il quale è stata fondata. Tutte le persone che si sono avvicendate in questi anni all’interno della società hanno lavorato come volontari, regalando parte del loro tempo e delle loro competenze al servizio degli atleti. Alcune di queste persone mantengono il loro impegno da quasi trent’anni e a loro in particolare va tutto il nostro grazie per la costanza, la fedeltà e l’esempio che hanno sapientemente portato avanti. In questi tempi in cui l’economia domina ogni realtà e purtroppo anche lo sport, una società che vive dell’impegno gratuito e costante degli allenatori, dei dirigenti, dei responsabili e di tutti coloro che in diversi modi danno un aiuto, è certamente un esempio positivo di umanità e forti di tale certezza, vogliamo continuare il nostro cammino insieme a tutti coloro che ci vorranno sostenere!

Come ogni società che si rispetti, anche il CSO SAN CARLO si è presto dato un’identità attraverso la scelta di un marchio: un cerchio con al centro la facciata della nostra chiesa ed intorno un girotondo a rappresentare lo sport che unisce verso obiettivi comuni e condivisi; esternamente un ovale di colori che rappresentano la vivacità, la gioia e la pace.

La volontà di mettere al centro la nostra chiesa riassume invece la nostra origine e il nostro punto di arrivo: siamo nati all’interno della comunità e ad essa si ispirano il nostro impegno e i nostri valori.

LA SEDE

Ogni anno la società cresceva, s’ingrandiva, raddoppiava i suoi impegni ma mancava ancora un luogo di ritrovo e riferimento.

Finalmente a distanza di otto anni dalla sua nascita, il CSO San Carlo ha colmato questa lacuna.

Dopo aver scelto un locale della cascina Cristina, alcuni dirigenti e sostenitori hanno dato inizio ad un lavoro che per i più sembrava impossibile e nell’arco di quattro mesi, lavorando quasi tutte le sere hanno trasformato un locale disastrato in un’opera d’arte.

Inaugurata il 20 dicembre 1992 in occasione della festa di saluto di don Lino Spinelli, e da lui benedetta, la sede è ormai diventata un punto di partenza  e di arrivo di tutte le attività del Cso San Carlo. 

Punto di partenza perché è da lì che nascono tutte le idee e le iniziative della società, punto di arrivo perché è sempre lì che le squadre tornano dopo aver partecipato a qualche manifestazione ogni volta con qualche trofeo.

LE ATTIVITA’ DEL CSO SAN CARLO: NON SOLO SPORT…

Fin dalla sua fondazione il CSO ha scelto di lavorare su due discipline sportive: il calcio e la pallavolo. Per poter partecipare con le sue squadre ai campionati provinciali di categoria si è affiliato fin da subito al Centro Sportivo Italiano (CSI) e alla Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV). Il numero delle squadre è cresciuto negli anni e abbiamo raggiunto una struttura in grado di coprire tutte le fasce d’età dai 7 anni alle squadre Open.

Oggi la società conta circa centoventi atleti , suddivisi tra pallavolo e calcio  e una ventina tra allenatori e dirigenti.

La società C.S.O. S.CARLO inoltre svolge altre attività di carattere sportivo e culturale.

Al termine di ogni anno sportivo, durante il periodo estivo, organizziamo il torneo di pallavolo per ragazze in memoria di Silvia Sarti, e il torneo di calcio per ragazzi in memoria di Emanuele Tarsia Morisco.

Per la società , un punto fermo è la solidarietà: la festa di Natale solitamente è anche l’occasione per il nostro gruppo sportivo di guardare insieme al di là dei confini della nostra parrocchia e raggiungere chi ha realmente bisogno di un aiuto concreto. Per questo, negli anni abbiamo coinvolto i nostri atleti in diverse iniziative di sostegno: dagli aiuti in favore dei bambini della ex-Iugoslavia, ai bambini terremotati di Colfiorito, ai ragazzi di padre Marco Pagani in Camerun, all’adozione a distanza di  uno studente universitario indiano della missione di Padre Augusto Colombo a Warangal in India fino alla più recente e attuale collaborazione con il Centre Jeunes Kamenge in Burundi.

Infine sono da ricordare alcune iniziative che hanno caratterizzato i primi anni di vita del CSO e che esprimono bene il legame della società sportiva con la parrocchia: chi non ricorda con immenso piacere le fiaccolate che aprivano le nostre stagioni sportive e il palio dei rioni in occasione della festa dell’oratorio? Con la fiaccola in mano i nostri atleti e i loro dirigenti hanno raggiunto il Santuario della Madonna della Noce a Inverigo, il Santuario della Madonna del Ghisallo, la Madonna d’Europa a Campodolcino, il Santuario di Caravate in provincia di Varese ed infine il Santuario di Caravaggio. Negli ultimi anni si è reintrodotta la fiaccolata con percorsi cittadini. Infatti sono gli atleti delle squadre più piccole che, partendo dalla Basilica di Galliano, portano la fiaccola  per le vie di Cantù fino ad arrivare alla nostra chiesa dove, con la fiaccola, viene acceso il tradizionale pallone durante la S. Messa solenne per la festività di San Carlo.

In occasione della festa dell’oratorio per diversi anni, il CSO SAN CARLO si è occupato dell’organizzazione del palio dei rioni: la frazione veniva suddivisa in quattro zone: ad ogni zona corrispondeva un colore e con nastri rossi, rosa, verdi e azzurri che ornavano allegramente le case, si tracciava la geografia dei vari rioni. Si stabiliva poi il calendario settimanale delle gare di pallavolo, calcio, bocce, scopa, scacchi, dama che vedevano sfidarsi i vari rioni e coinvolgevano davvero tutti, dai più giovani ai più anziani, in un clima certamente competitivo ma anche estremamente festoso e amichevole. 

Per l’anno del Giubileo il CSO SAN CARLO, con una nutrita rappresentanza di dirigenti e atleti, ha organizzato un pellegrinaggio a Roma per prendere parte all’incontro con il Santo Padre Giovanni Paolo II: è stata certamente un’esperienza molto emozionante e un’occasione per tutti noi di “rigenerarci” e ricevere dalla parole del Papa nuove energie: “lo sport è gioia di vivere, gioco, festa e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo mediante il recupero della sua gratuità, della sua capacità di stringere vincoli di amicizia, di favorire il dialogo e l’apertura gli uni verso gli altri, come espressione della ricchezza dell’essere ben più valida ed apprezzabile dell’avere, e quindi ben al di sopra delle leggi della produzione e del consumo e di ogni altra considerazione puramente utilitaristica della vita”.

Per la nostra società sportiva oratoriana, il parroco è sempre stato un punto di riferimento irrinunciabile. Don Lino Spinelli ha fondato con noi il CSO SAN CARLO e dal 1993 al 1999 don Gianni Mariani, suo successore è stato alla guida della nostra parrocchia, sostiene, incoraggia e promuove la nostra attività. Insieme a lui e alla nostra comunità, abbiamo realizzato un traguardo importantissimo cioè la costruzione di una palestra all’interno del nostro oratorio. In tutti questi anni abbiamo sempre sofferto un po’ di questa mancanza che ci costringeva ad utilizzare le palestre comunali per il settore pallavolo, con l’inevitabile distacco dalla parrocchia, oltre che notevoli costi e disagi permettendo a finalmente tutti nostri atleti (di calcio e di pallavolo) potranno allenarsi all’ombra della nostra chiesa, con l’augurio che questo rafforzi e accresca sempre più lo spirito cristiano che ci anima.

Per concludere , la società , nata nel 1985 propone lo sport come momento di amicizia e come esperienza di festa. Sport come strumento di prevenzione, capace di richiamare l’attenzione delle persone, di aggregarle nel loro tempo libero. Sport come attività che reca in sé una carica straordinaria e affascinante di umanità, di conquista, di pazienza, diventando avventura che riempie di segni, di obiettivi, di speranza.



 

 

 

 

csosancarlo

Via per Alzate, 73
Cantù
22063

Sito Web: www.csosancarlo.it/
Storia

La nascita del CSO SAN CARLO fu uno dei tanti passi che la ancora giovanissima parrocchia San Carlo decise di compiere insieme al suo parroco Don Lino Spinelli per raggiungere un suo grado di maturità e stabilità

Era il 1985 e l’oratorio era frequentato da molti ragazzi. Diventava necessario offrire loro ogni possibilità sia di meditazione che di svago, affinché il tempo trascorso in oratorio portasse dei frutti. Riuscire ad impegnarli in un’attività sportiva era forse la cosa più facile visto l’elevato grado di coinvolgimento che lo sport esercita sui giovani. Fu così che un gruppo di dodici parrocchiani amanti dello sport fondò la società sportiva. L’obiettivo primario della società era ed è tuttora quello di dare a questi ragazzi un piccolo aiuto nella crescita e nell’educazione, come si legge anche nell’articolo 2 dello Statuto: “Lo scopo dell’associazione è la promozione umana dei soci attraverso l’attività sportiva, ricreativa, culturale”.

Da quella data di strada ne è stata fatta molta: la società è cresciuta e nel tempo si è arricchita di nuove esperienze e nuove risorse, ma ha mantenuto integro lo scopo per il quale è stata fondata. Tutte le persone che si sono avvicendate in questi anni all’interno della società hanno lavorato come volontari, regalando parte del loro tempo e delle loro competenze al servizio degli atleti. Alcune di queste persone mantengono il loro impegno da quasi trent’anni e a loro in particolare va tutto il nostro grazie per la costanza, la fedeltà e l’esempio che hanno sapientemente portato avanti. In questi tempi in cui l’economia domina ogni realtà e purtroppo anche lo sport, una società che vive dell’impegno gratuito e costante degli allenatori, dei dirigenti, dei responsabili e di tutti coloro che in diversi modi danno un aiuto, è certamente un esempio positivo di umanità e forti di tale certezza, vogliamo continuare il nostro cammino insieme a tutti coloro che ci vorranno sostenere!

 

 

Come ogni società che si rispetti, anche il CSO SAN CARLO si è presto dato un’identità attraverso la scelta di un marchio: un cerchio con al centro la facciata della nostra chiesa ed intorno un girotondo a rappresentare lo sport che unisce verso obiettivi comuni e condivisi; esternamente un ovale di colori che rappresentano la vivacità, la gioia e la pace.

La volontà di mettere al centro la nostra chiesa riassume invece la nostra origine e il nostro punto di arrivo: siamo nati all’interno della comunità e ad essa si ispirano il nostro impegno e i nostri valori.

 

 

 

LA SEDE

Ogni anno la società cresceva, s’ingrandiva, raddoppiava i suoi impegni ma mancava ancora un luogo di ritrovo e riferimento.

Finalmente a distanza di otto anni dalla sua nascita, il CSO San Carlo ha colmato questa lacuna.

Dopo aver scelto un locale della cascina Cristina, alcuni dirigenti e sostenitori hanno dato inizio ad un lavoro che per i più sembrava impossibile e nell’arco di quattro mesi, lavorando quasi tutte le sere hanno trasformato un locale disastrato in un’opera d’arte.

Inaugurata il 20 dicembre 1992 in occasione della festa di saluto di don Lino Spinelli, e da lui benedetta, la sede è ormai diventata un punto di partenza  e di arrivo di tutte le attività del Cso San Carlo. 

Punto di partenza perché è da lì che nascono tutte le idee e le iniziative della società, punto di arrivo perché è sempre lì che le squadre tornano dopo aver partecipato a qualche manifestazione ogni volta con qualche trofeo.

 

 

 

LE ATTIVITA’ DEL CSO SAN CARLO: NON SOLO SPORT…

 

Fin dalla sua fondazione il CSO ha scelto di lavorare su due discipline sportive: il calcio e la pallavolo. Per poter partecipare con le sue squadre ai campionati provinciali di categoria si è affiliato fin da subito al Centro Sportivo Italiano (CSI) e alla Federazione Italiana Pallavolo (FIPAV). Il numero delle squadre è cresciuto negli anni e abbiamo raggiunto una struttura in grado di coprire tutte le fasce d’età dai 7 anni alle squadre Open.

Oggi la società conta circa centoventi atleti , suddivisi tra pallavolo e calcio  e una ventina tra allenatori e dirigenti.

Per quest’anno sportivo abbiamo allestito le seguenti squadre per la pallavolo: U10 Polisportivo, per atlete nate nel 2005 e precedenti, si prosegue con l’U14 e le Allieve U16 che completano il settore giovanile; per quanto riguarda le categorie superiori abbiamo una prima squadra iscritta al campionato provinciale di Seconda Divisione Fipav e per una Open Mista CSI .

 

Per quanto riguarda l’area Calcio , quest’anno non avremo il settore giovanile ( la prima stagione da 30 anni ) , ad eccezione della squadra Allievi a 11. Per gli adulti abbiamo due squadre che disputeranno il campionato Open a 7 ( una in categoria “A” e l’altra in “B” )

 

Stiamo lavorando per ricreare già l’anno prossimo il settore giovanile per l’Under 10 e Under 12 , che sono da sempre le categorie privilegiate e su cui punta maggiormente la società.

 

La società C.S.O. S.CARLO inoltre svolge altre attività di carattere sportivo e culturale.

Al termine di ogni anno sportivo, durante il periodo estivo, organizziamo il torneo di pallavolo per ragazze in memoria di Silvia Sarti, e il torneo di calcio per ragazzi in memoria di Emanuele Tarsia Morisco.

 

Per la società , un punto fermo è la solidarietà: la festa di Natale solitamente è anche l’occasione per il nostro gruppo sportivo di guardare insieme al di là dei confini della nostra parrocchia e raggiungere chi ha realmente bisogno di un aiuto concreto. Per questo, negli anni abbiamo coinvolto i nostri atleti in diverse iniziative di sostegno: dagli aiuti in favore dei bambini della ex-Iugoslavia, ai bambini terremotati di Colfiorito, ai ragazzi di padre Marco Pagani in Camerun, all’adozione a distanza di  uno studente universitario indiano della missione di Padre Augusto Colombo a Warangal in India fino alla più recente e attuale collaborazione con il Centre Jeunes Kamenge in Burundi.

 

Infine sono da ricordare alcune iniziative che hanno caratterizzato i primi anni di vita del CSO e che esprimono bene il legame della società sportiva con la parrocchia: chi non ricorda con immenso piacere le fiaccolate che aprivano le nostre stagioni sportive e il palio dei rioni in occasione della festa dell’oratorio? Con la fiaccola in mano i nostri atleti e i loro dirigenti hanno raggiunto il Santuario della Madonna della Noce a Inverigo, il Santuario della Madonna del Ghisallo, la Madonna d’Europa a Campodolcino, il Santuario di Caravate in provincia di Varese ed infine il Santuario di Caravaggio. Negli ultimi anni si è reintrodotta la fiaccolata con percorsi cittadini. Infatti sono gli atleti delle squadre più piccole che, partendo dalla Basilica di Galliano, portano la fiaccola  per le vie di Cantù fino ad arrivare alla nostra chiesa dove, con la fiaccola, viene acceso il tradizionale pallone durante la S. Messa solenne per la festività di San Carlo.

In occasione della festa dell’oratorio per diversi anni, il CSO SAN CARLO si è occupato dell’organizzazione del palio dei rioni: la frazione veniva suddivisa in quattro zone: ad ogni zona corrispondeva un colore e con nastri rossi, rosa, verdi e azzurri che ornavano allegramente le case, si tracciava la geografia dei vari rioni. Si stabiliva poi il calendario settimanale delle gare di pallavolo, calcio, bocce, scopa, scacchi, dama che vedevano sfidarsi i vari rioni e coinvolgevano davvero tutti, dai più giovani ai più anziani, in un clima certamente competitivo ma anche estremamente festoso e amichevole. 

Per l’anno del Giubileo il CSO SAN CARLO, con una nutrita rappresentanza di dirigenti e atleti, ha organizzato un pellegrinaggio a Roma per prendere parte all’incontro con il Santo Padre Giovanni Paolo II: è stata certamente un’esperienza molto emozionante e un’occasione per tutti noi di “rigenerarci” e ricevere dalla parole del Papa nuove energie: “lo sport è gioia di vivere, gioco, festa e come tale va valorizzato e forse riscattato, oggi, dagli eccessi del tecnicismo e del professionismo mediante il recupero della sua gratuità, della sua capacità di stringere vincoli di amicizia, di favorire il dialogo e l’apertura gli uni verso gli altri, come espressione della ricchezza dell’essere ben più valida ed apprezzabile dell’avere, e quindi ben al di sopra delle leggi della produzione e del consumo e di ogni altra considerazione puramente utilitaristica della vita”.

Per la nostra società sportiva oratoriana, il parroco è sempre stato un punto di riferimento irrinunciabile. Don Lino Spinelli ha fondato con noi il CSO SAN CARLO e dal 1993 al 1999 don Gianni Mariani, suo successore è stato alla guida della nostra parrocchia, sostiene, incoraggia e promuove la nostra attività. Insieme a lui e alla nostra comunità, abbiamo realizzato un traguardo importantissimo cioè la costruzione di una palestra all’interno del nostro oratorio. In tutti questi anni abbiamo sempre sofferto un po’ di questa mancanza che ci costringeva ad utilizzare le palestre comunali per il settore pallavolo, con l’inevitabile distacco dalla parrocchia, oltre che notevoli costi e disagi permettendo a finalmente tutti nostri atleti (di calcio e di pallavolo) potranno allenarsi all’ombra della nostra chiesa, con l’augurio che questo rafforzi e accresca sempre più lo spirito cristiano che ci anima.

Per concludere , la società , nata nel 1985 propone lo sport come momento di amicizia e come esperienza di festa. Sport come strumento di prevenzione, capace di richiamare l’attenzione delle persone, di aggregarle nel loro tempo libero. Sport come attività che reca in sé una carica straordinaria e affascinante di umanità, di conquista, di pazienza, diventando avventura che riempie di segni, di obiettivi, di speranza.



Maggiori informazioni http://www.csosancarlo.it/storia/